sabato, 22 Giugno 2024
Scoperte&SitiArcheologici

PRIMI MONACI INGLESI ERIGONO MONASTERO NEI PRESSI DI UN SITO TARDO NEOLITICO, CROWLAND, INGHILTERRA

Per leggere questo articolo occorrono 5 minuti

Il villaggio di Crowland, Lincolnshire, in Inghilterra, oggi è dominato dalle rovine della sua abbazia medievale. Tuttavia, la tradizione locale vuole che la zona fosse sede di un eremo anglosassone intitolato a a San Guthlac Eremita, morto nell’anno 714 e famoso per la sua vita solitaria, avendo rinunciato a una vita ricca come figlio di un nobile.

Quando il suo corpo incorrotto fu scoperto 12 mesi dopo la sua morte, Guthlac fu venerato da una piccola comunità intitolata dedicata alla sua memoria. La popolarità di Guthlac mentre era in vita, il successo di questo culto e il pellegrinaggio che ispirava, furono fattori chiave nella fondazione dell’Abbazia di Crowland, nel X secolo, per onorare il santo.

Esistono alcune fonti storiche sulla vita di Guthlac, principalmente attraverso la Vita Sancti Guthlaci,  scritta poco dopo la sua morte da un monaco chiamato Felix. Sebbene ci siano poche altre prove sulla sua vita, si credeva che Guthlac avesse creato il suo eremo da un tumulo funerario, precedentemente saccheggiato. Per anni, gli archeologi hanno cercato di trovare la sua posizione e, sebbene Anchor Church Field fosse ampiamente ritenuto il sito più probabile, la mancanza di scavi e il crescente impatto dell’attività agricola nell’area hanno impedito una comprensione completa dell’area.

Il team, che comprendeva anche esperti dell’Università di Sheffield, ha scavato Anchor Church Field e, con sorpresa, ha scoperto una storia molto più complessa e più antica di quanto si aspettassero.

La prima scoperta che fecero fu un henge del Tardo Neolitico o della Prima Età del Bronzo precedentemente sconosciuto, un tipo di terrapieno circolare e uno dei più grandi mai scoperti nell’Inghilterra orientale. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Journal of Field Archaeology.

A causa delle sue dimensioni e della sua posizione, l’henge sarebbe stato un luogo di rilievo nella regione e avrebbe fornito un importante sito per attività cerimoniali. A quel tempo, Crowland sarebbe stata una penisola circondata su tre lati da acqua e paludi, e l‘henge era situato su un punto distintivo e altamente visibile che sporgeva dalle paludi.

L’henge sembra quindi essere stato abbandonato, forse per molti secoli, ma il significato già dato al sito dai consistenti terrapieni preistorici, che sarebbero stati ancora visibili nel periodo medievale, fece sì che fosse probabilmente visto da eremiti come Guthlac come un paesaggio unico con un passato lungo e sacro.

Fu intorno alla vita di Guthlac che l’henge fu rioccupato e gli scavi rinvennero grandi quantità di materiale tra cui ceramiche, due pettini d’osso e frammenti di vetro provenienti da un recipiente per bere di alto rango. In modo frustrante per la squadra di scavo, tutte le strutture di questa data sembrano essere state distrutte da attività successive e questi manufatti offrono solo una visione allettante di come l’henge potesse essere utilizzato nel periodo anglosassone.

Secondo Duncan Wright, docente di archeologia medievale presso l’Università di Newcastle, molti monumenti preistorici furono riutilizzati dagli anglosassoni, ma identificare un henge occupato in questo modo è piuttosto raro. Sebbene gli oggetti anglosassoni rinvenuti non possano essere collegati a Guthlac con alcuna certezza, l’uso del sito in questo periodo e successivamente nel periodo medievale aggiunge peso all’idea che Crowland fosse uno spazio sacro in tempi diversi nel corso dei millenni.

Gli elementi di gran lunga più importanti rinvenuti durante gli scavi furono i resti di una sala e di una cappella del XII secolo, costruite dagli abati di Crowland probabilmente per venerare gli eremiti qui. La sala sarebbe stata utilizzata per alloggi d’élite, forse per pellegrini di alto rango che visitavano Crowland. Sebbene la maggior parte della pietra di questi edifici sia stata saccheggiata nel XIX secolo, i documenti suggeriscono che la cappella sul sito fosse dedicata a Santa Pega, sorella di Guthlac, che era lei stessa un’importante eremita della regione. Queste stesse fonti descrivono la cappella come in rovina nel XV secolo, ed è possibile che il sito abbia cominciato a perdere popolarità quando l’interesse per il pellegrinaggio diminuì durante la Riforma.

Direttamente davanti all’atrio e alla cappella gli archeologi hanno trovato anche una fossa di un metro rivestita di pietra che, quando fu scoperta nel XIX secolo, si pensava fosse un pozzo. Gli archeologi ritengono che questa fossa potrebbe essere pensata più accuratamente come un buco per l’asta di una bandiera o, più probabilmente, per l’incastonatura di una grande croce.

Dopo il XII secolo, iniziò il prosciugamento delle paludi circostanti Crowland, trasformando la topografia dell’area. Non più circondato dall’acqua, l’Anchor Church Field era invece su un terreno che poteva essere arato e coltivato. A partire da questo periodo si intensificò l’attività agricola e, sebbene la sala sembri essere durata più a lungo della cappella, anch’essa perse nel corso dei secoli la sua funzione di alto rango.

Nonostante questo cambiamento d’uso, il sito conservò la sua storia sacra fino a tempi relativamente recenti: documenti del XVIII secolo ricordano che il proprietario di una abitazion,e costruita sul sito con i resti della sala, continuò a venerare gli eremiti, recandosi ogni giorno nel giardino sul retro per rendere omaggio,

Secondo Hugh Willmott dell’Università di Sheffield, esaminando le prove archeologiche rinvenute e osservando i testi storici, è chiaro che anche negli anni successivi Anchor Church Field continuò a essere visto come un luogo speciale degno di venerazione. Guthlac e Pega furono figure molto importanti nella storia paleocristiana dell’Inghilterra, quindi è estremamente emozionante essere stati in grado di determinare la cronologia di quello che è chiaramente un sito storicamente significativo.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Università di Newcastle

Anglosassoni

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!