domenica, 3 Marzo 2024
Scoperte&SitiArcheologici

ARCHEOLOGI DEL MOLA HANNO RINVENUTO UN LETTO FUNERARIO IN PIENO CENTRO A LONDRA

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Gli archeologi del MOLA (Museum of London Archaeology) che scavano vicino all’Holborn Viaduct, a Londra, durante i lavori di trasformazione del sito in uno spazio per uffici su misura per lo studio legale globale Hogan Lovells, scavi condotti per conto della Royal London Asset Management Property, hanno portato alla luce importanti manufatti della storia sul sito.

Un letto funerario romano, incredibilmente raro, è il primo letto funerario completo trovato in Gran Bretagna: realizzato in rovere di alta qualità, il letto ha piedi intagliati e giunti fissati con piccoli pioli sempre di legno. Prima di essere deposto nella tomba, è stato smontato, ma potrebbe essere stato utilizzato per trasportare l’individuo alla sepoltura.

Gli archeologi ritengono che, probabilmente, fosse parte del corredo funerario da riutilizzare nell’aldilà. Molte iscrizioni lapidee rinvenute in tutto l’Impero romano mostrano raffigurazioni del defunto disteso su un triclinio mangiando come se fosse vivo.

Come potrebbe suggerire il letto funerario, questo sito fu utilizzato come necropoli durante il periodo romano (43-410 d.C.). Accanto ai resti scheletrici, sono stati trovati oggetti personali come una ampolla di vetro, gioielli di alto rango con perle di giaietto e ambra, una lucerna decorata. La raffigurazione sulla lucerna mostra un gladiatore sconfitto e potrebbe risalire al primissimo periodo romano in Britannia, tra il 48 e l’80 d.C.

Secondo Heather Knight, responsabile del progetto all’Holborn Viaduct, osserva che i Romani seppellivano i loro defunti lungo le strade, fuori dai centri urbani. Non è stata. dunque, una grande sorpresa scoprire sepolture in questo sito, che durante il periodo romano sarebbe stato situato a 170 metri a ovest delle mura della città e vicino alla principale strada romana di Watling Street. Tuttavia, i livelli di conservazione riscontrati, e in particolare la scoperta di una così vasta gamma di reperti in legno, ha letteralmente sorpreso gli arhceologi.

È molto raro scoprire oggetti in legno nei siti archeologici, ma poiché questo sito si trova sulle rive del fiume Fleet, i manufatti si sono stati conservati nel fango umido, in un’atmosfera ridotta di ossigeno. Oltre al letto funerario romano, sono stati rinvenuti e identificati alcuni interessanti oggetti in legno risalenti alla vita successiva del sito stesso.

Gli scavi hanno permesso di identificare anche una necropoli del XVI secolo: potrebbe essere legata alla vicina Chiesa del Santo Sepolcro. Il quartiere, dopo la devastazione del Grande Incendio di Londra nel 1666, vide nuova vita con la costruzione di case, negozi e un pub, che alla fine furono sostituiti da magazzini vittoriani.

il team del MOLA continua la ricerca e l’analisi di gli straordinari reperti affinché si rivelino maggiori dettagli sugli individui che hanno vissuto, lavorato e sono stati deposti negli ultimi 2000 anni.

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info; MOLA

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!