MUMMIE DAL PERU’ PRE INCAICO TORNANO ALLA LUCE DAL SITO DI CAJAMARQUILLA

Per leggere questo articolo occorrono 2 minuti

La mummificazione è un metodo di deposizione dei defunti presente nella storia di varie culture e realizzato con varie tecniche: certamente il livello più alto fu raggiunto da quella egizia tramite imbalsamazione, che necessitava di operazioni complesse e dell’impiego di costose sostanze: spezie, natron (carbonato di sodio), unguenti, resine.

Un team di archeologi peruviani ha rinvenuto, in un sito della costa centrale del Perù, a Cajamarquilla, nella regione della capitale Lima, i resti di una una mummia che si stima abbia almeno 800 anni.

Secondo l’archeologo Pieter Van Dalen Luna, dell’Università statale di San Marcos, i resti mummificati si riferiscono a un individuo, il cui genere non è stato ancora identificato, della cultura sviluppatasi tra la costa e le montagne del paese sudamericano. La caratteristica principale della mummia è che l’intero corpo era legato da corde e con le mani che coprivano il viso, un rituale attribuibile al modello funerario locale.

La mummia è attribuibile a una cultura pre incaica: il sito di Cajamarquilla è stato inizialmente colonizzato dagli Huari, la cui cultura fiorì lungo la costa peruviana ca. 400-600 d.C. Gli estesi resti della città huari includono blocchi di unità abitative in mattoni di fango che si pensa siano state grandi residenze dei guerrieri delle varie tribù. Dai resti giunti finoa oggi, queste antiche strutture furono riutilizzate da popoli successivi, tra cui gli Ychma, che si trasferirono nell’area all’inizio del secondo millennio, e poi dagli Inca, il cui impero controllava la maggior parte della regione andina quando gli spagnoli arrivarono in 1532

La mummia è stata rinvenuta all’interno di una struttura ipogea trovata alla periferia della città di Lima. Nella tomba, diversi vasi ceramici, strumenti in pietra e resti vegetali di alimenti, componevano il consistente corredo funerario

Il Perù, dunque, oltre alla “turistica” destinazione di Machu Picchu, continua a riservare numerose sorprese tra i suoi centinaia di siti archeologici relativi a culture che si sono sviluppate prima e dopo l’Impero Inca, che ha dominato la parte meridionale del Sud America 500 anni fa, dall’Ecuador meridionale e dalla Colombia al Cile centrale.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Università statale di San Marcos

Chan Chan

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: