lunedì, 26 Febbraio 2024
Scoperte&SitiArcheologici

ARMI DI GUERRIERI BARBARI RINVENUTE NEI PRESSI DI HRUBIESZÓW, POLONIA

Per leggere questo articolo occorrono 4 minuti

Punte di lancia di ferro, due asce da battaglia e un’ascia per tagliare il legno sono tra gli oggetti rinvenuti casualmente vicino a Hrubieszów e i manufatti, probabilmente di epoca romana, potrebbero essere appartenuti a guerrieri delle tribù barbariche.

Il conservatore provinciale dei Monumenti di Lublino ha annunciato che la scoperta casuale è avvenuta nelle foreste demaniali vicino Hrubieszów, in un campo con la forte corrosione dei metallo ben celata dalla sabbia e dal fango.

HRUBIESZÓWTutti i reperti sono stati localizzati quasi in un unico luogo, poco profondo dal piano di campagna della foresta, in un’area degradata dalle lavorazioni causate per la presenza di pesanti attrezzature forestali e in parte dall’attività animale. Queste circostanze hanno portato alla scoperta inizialmente di un oggetto in superficie e di un altro un attimo dopo. Diversi chilogrammi di manufatti in ferro informe, fangoso e corroso sono stati imballati in modo sicuro e prelevati dalla foresta con l’intento di essere ripuliti e determinarne la natura e la tipologia.

I manufatti sono stati portati al Museo Hrubieszów che ha accolto il ritrovamento contestualizzandone l’approssimativa ubicazione del sito. Gli archeologi del museo, Bartłomiej Bartecki e Anna Hyrchała, hanno effettuato un’analisi e una valutazione preliminare di questi reperti. Inoltre, l’analisi della documentazione dell’Archaeological Image of Poland (il registro nazionale e provinciale dei monumenti archeologici) indica che fino ad oggi non sono stati identificati siti archeologici nell’area di scoperta di questi reperti.

Il ritrovamento consiste in una dozzina di manufatti tra cui: punte di lancia in ferro (lunghe da 25,5 cm a 34,5 cm, con larghezza della lama compresa tra 5 cm e 6,5 cm); due asce da combattimento in ferro (una lunga 23,5 cm e alta 7 cm, l’altra leggermente più piccola, lunga 19 cm e alta 5 cm); un’ascia con foro (o ascia da carpentiere, il vui uso sarà probabilmente determinato solo dopo il restauro conservativo); tre oggetti la cui identificazione è attualmente molto difficile e se ne attende il restauro.

Secondo gli archeologi, le origini delle armi sono abbastanza chiare: molto probabilmente sono state armi usate dalle tribù barbariche che si sono accalcate sul limes dell’Impero Romano. Forse sono appartenute a guerrieri provenienti dalle tribù della cosiddetta Cultura di Przeworsk (I secolo a.C. – II/III secolo d.C.), identificati dagli archeologi come membri della tribù dei Vandali, o dalle comunità delle Culture gotiche (II/III secolo d.C. – V secolo d.C.).

Nel territorio circostante, diversi anni fa, fu scoperta la tomba danneggiata e depredata di un guerriero della Cultura di Przeworsk, proprio durante la costruzione del posto di guardia di frontiera nella vicina Horodło, considerato il sito più settentrionale di questa cultura.

Gli archeologi ritengono che il numero dei reperti, la loro natura, le modalità di deposizione e lo stato di conservazione escludono la possibilità dell’esistenza di una necropoli o di un’unica sepoltura in questo luogo. Durante ulteriori indagini preliminari non sono state trovate ossa o frammenti di ceramica che avrebbero fatto parte dei corredi funerari di eventuali tombe.

Le circostanze indicherebbero che i manufatti potrebbero essere deliberatamente stati lasciati nell’antica palude dopo essere stati raccolti o prelevati da altro sito. Inoltre, fonti orali locali hanno sempre menzionato la presenza, nella zona di Hrubieszów, di manufatti e armi usate dai Gotiche, generalmente, non deponevano oggetti di ferro nelle loro sepolture.

Il conservatore dei monumenti ha immediatamente catalogato i manufatti nella collezione del Museo Stanisław Staszic di Hrubieszów, mentre le operazioni di restauro conservativo, immediatamente iniziate, saranno necessarie anche a determinare correttamente la natura della scopertae la sua appartenenza cronologica e culturale.

Il luogo del ritrovamento delle armi sarà indagato in maniera estensiva durante la prossima primavera, con condizioni meteorologiche più favorevoli.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: SCIENCE IN POLAND

Asce Polonia

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!