TOP 10 DELLE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE 2019 – prima parte

Per leggere questo articolo occorrono circa 4 minuti

Come di consueto, la rivista ARCHAEOLOGY, una pubblicazione dell’Archaeological Institute of America, pubblica la sua classifica Top 10 delle scoperte archeologiche 2019, secondo gli editori della rivista stessa. Per quelle del 2018, clicca qui.

  • Domusa Aurea, Roma. Una piccola crepa in una volta a botte ha permesso agli archeologi la scoperta di un nuovo ambiente Domus Aurea, l’immenso palazzo costruito dall’imperatore Nerone dopo un incendio che ha devastato Roma nel 64 d.C. Dopo la morte di Nerone, la Domus Aurea è stata vista come la follia dell’imperatore e l’interno della struttura è stato completamente riempito e condannato a damnatio memoriae. Sulla parte superiore è stato realizzato un parco pubblico di cui tutti i romani potevano godere che ha celato per secoli le bellezze del palazzo. Solo nel XV secolo, per caso, la vasta proprietà è stata riscoperta. Da allora, la Domus Aurea è stata è stato un sito di esplorazione, scavo e restauro quasi costante. Durante uno di questi progetti di restauro, gli archeologi hanno trovato un nuovo ambiente, completamente affrescato. Gli affreschi raffigurano un centauro e altre figure mitologiche, uno strumento simile a un fischio, piante decorative con una colonna sormontata da una ciotola d’oro e una sfinge che ha dato il nome all’intero spazio, la “Stanza delle Sfingi“.
  • Pampa La Cruz, Perù. Più di 230 bambini e quasi 400 lama sacrificati sono stati scoperti nel sito costiero di Pampa la Cruz, corrispondenti a tre eventi differenti. Il primo di questi eventi risale al 1250 d.C. circa, confermandolo come il primo sacrificio di massa di bambini e animali nella regione. Sacri sacrifici simili sono stati trovati da date successive nella stessa area e sono stati interpretati come offerte agli dei dal popolo Chimu in risposta alla distruzione provocata dagli eventi di El Niño. L’archeologo Gabriel Prieto dell’Università della Florida, negli studi 2019, ha desunto che il primo sacrificio di Pampa la Cruz possa aver avuto uno scopo politico in un periodo in cui i Chimu hanno conquistando un’altra popolazione, quella dei Lambayeque, che viveva nelle valli a nord.
  • Top Ten China Denisovan MandibleXiahe, Cina. Circa 40 anni fa, un monaco buddista ha rinvenuto una mandibola nella grotta carsica di Baishiya, a più di 3000 metri sul livello del mare sull’altopiano tibetano. Il campione è stato datato a 160.000 anni fa e l’analisi delle proteine ​​dei suoi denti indica che apparteneva a un membro della specie di ominide conosciuta come Denisoviani. Questi antichi umani erano noti solo attraverso resti frammentari di diversi individui, tutti trovati nella grotta Denisova, nella Siberia meridionale, che si trova a 2800 km a nord-ovest della grotta tibetana e a soli 700 metri di altitudine. Questa mandibola, da studi 2019, ha rivelato che i Denisoviani erano geograficamente distribuiti in modo molto più ampio e ad un’altitudine più elevata di quanto si pensasse in precedenza secondo l’archeologo Dongju Zhang, dell’Università di Lanzhou.
  • Arkhangai, Mongolia. Nella Mongolia centro-settentrionale, gli archeologi del 2019 hanno portato alla luce due sontuose tombe costruite per i nobili dell’Impero Xiongnu. Popolo nomade che ha dominato le steppe eurasiatiche orientali dal III secolo a.C. fino al I secolo d.C., Xiongnu intraprese frequenti guerre contro la dinastia Han cinese (206 a.C. – 220 d.C.). Per difendersi da queste incursioni, gli Han costruirono fortificazioni che alla fine entrarono a far parte della Grande Muraglia. Entrambe le tombe di Xiongnu, che furono scavate da un team dell’Università di Ulan Bator e dall’Istituto provinciale per i beni e l’archeologia e la cultura dell’Henan, contenevano ricchi corredi. Nella tomba più grande, i ricercatori hanno trovato scatole di legno con anelli d’argento, ganci in giada per cinture e un paio di draghi d’argento dorati che un tempo avrebbero potuto servire da maniglie su una nave. La tomba più piccola conteneva i resti di un uomo sepolto con una carrozza trainata da cavalli, 15 teste di cavallo e 19 ornamenti equestri in argento, ognuno raffigurante una divinità unicorno. In questa tomba, il team ha anche recuperato parte di una spada decorata con giada, la prima trovata in una tomba di Xiongnu.
  • Pennies d'argento raffiguranti Harold (a sinistra) e Guglielmo (a destra)
    Pennies d’argento raffiguranti Harold (a sinistra) e Guglielmo (a destra)

    Chew Valley, Inghilterra. Il 14 ottobre 1066, Guglielmo il Conquistatore ha sconfitto l’ultimo re anglosassone d’Inghilterra, Harold Godwinson, nella Battaglia di Hastings, inaugurando il dominio normanno. Secondo i ricercatori del British Museum, la scoperta 2019 nella Chew Valley, nell’Inghilterra sud-occidentale, di un tesoretto di oltre 2.500 pennies d’argento dai regni di entrambi i re sottolinea l’incertezza politica degli anni che hanno circondato la Conquista Normanna. La maggior parte delle 1.236 monete nel deposito che presentano il volto di Harold sono state coniate nel sud-est dell’Inghilterra, il che indica una solida fedeltà a lui nella regione nonostante la minaccia imminente dell’invasione di Guglielmo. Al contrario, tutte le 1.310 monete raffiguranti Guglielmo sono state emesse dopo l’incoronazione del giorno di Natale, suggerendo, a quel punto, che la sua pretesa al trono era generalmente riconosciuta. Un conio di monete sembra aver approfittato del periodo tumultuoso successivo alla morte di Harold. Due coni, con il volto di Harold da un lato e Guglielmo dall’altro, rappresentano il tentativo del coniatore di evitare le spese per l’acquisto di stampi freschi per produrre nuovi coni…

— CONTINUA—

Daniele Mancini

Per ulteriori info: Archaeology.org

 

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: