SEPOLTURE PRE-ISPANICHE VENUTE ALLA LUCE A LIMA, PERU’, IN SCAVI DI ARCHEOLOGIA PREVENTIVA

Per leggere questo articolo occorrono 2 minuti

Durante i lavori di posa in opera delle nuove tubature del gas lungo una strada della capitale del Perù, Lima, gli operai della squadra si sono imbattuti nei resti di una tomba pre-ispanica databile a circa 2000 anni fa con un sostanzioso corredo funerario in ceramica.

Cecilia Camargo, archeologa capo del dipartimento dei beni culturali presso la società peruviana di gas naturale Calidda che si è occupata della sorveglianza archeologica proprio per la società del gas, descrive i dettagli della scoperta indicando che sono stati rinvenuti i resti di  sei corpi umani, tra bambini e adulti, accompagnati da un corredo funerario composto da vasellame vario destinato proprio alle sepolture.

Secondo gli studiosi peruviani, il sito posizionato nel distretto La Victoria potrebbe  essere collegato alla cultura conosciuta come “Blanco sobre Rojo“, “Bianco su rosso”, che si stabilì sulla costa centrale del Perù nelle valli di Chillon, Rimac e Lurin, i tre fiumi che attraversano Lima.

Dal punto di vista cronologico, alla fine della fase preceramica (2000 a.C.) sono attribuiti i grandi tumuli e i complessi cerimoniali di El Praiso, Aspero, La Galgada. Contemporaneamente alla comparsa della ceramica (1800-900 a.C.) si venne affermando il modello culturale che dominò il Perù durante l’Orizzonte Antico (900-200 a.C.), caratterizzato da opere di irrigazione, importanti complessi religiosi e un’arte plastica, detta di Chavín. Con il Periodo Intermedio Antico (200 a.C.-500 d.C.) si registrano la comparsa dei metalli, grandi opere idrauliche e l’affermarsi di stili regionali. Sulle coste, da N a S, si svilupparono rispettivamente le culture Moche (cui appartiene tra l’altro una ricca produzione ceramica), Lima e Nazca.

La cultura “Blanco sobre Rojo” è attribuibile, dunque, al Periodo Intermedio Antico.

La Camargo conferma che finora sono stati recuperati oltre 40 vasi ceramici di diverse forme legati ai vari corredi funerari, tutti sullo stile Bianco su Rosso: alcuni manufatti mostrano i caratteri distintivi di questa cultura e, soprattutto le forme chiuse, riportano doppio beccuccio e ansa a nastro.

Poiché i ritrovamenti di antichi manufatti e resti si verificano frequentemente in Perù, tutte le società di servizi pubblici che effettuano scavi e movimento terra dispongono di archeologi interni e la società Calidda, una società finanziata dalla Colombia per la distribuzione del gas naturale a Lima e nel vicino porto di Callao, è una di queste… Fortunati loro…

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Calidda

Perù

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: