sabato, 20 Aprile 2024
Archeologia&Dintorni

LE ORIGINI DEI GIOCHI CON LA PALLA NEL MONDO ANTICO

Per leggere questo articolo occorrono 6 minuti

Con il deplorevole mondiale di calcio che si svolge in Qatar, monta la mania per gli sport competitivi e i giochi con la palla che sembrerebbe un’usanza addirittura legata all’evoluzione dell’uomo. La congettura non ha prove certe che dimostrino che anche i preistorici tirassero un calcio ad un pallone, in tempi diversi e in luoghi diversi, non è stata trovata alcuna prova di un Home Erectus o altre varianti di ominidi che indulgono in giochi competitivi che coinvolgono oggetti sferici. Potrebbero averlo fatto, ma se stessero calciando o anche solo lanciando palloni, presumibilmente non sarebbero stati fatti di roccia e se fossero fatti di materia organica, non sarebbero sopravvissuti fino a noi.

Approcciando a periodi storici relativamente più recenti, il primo gioco con la palla che conosciamo è lo Tsu chu, secondo nientemeno che l’organo di governo del calcio FIFA: il suo nome significa letteralmente “calciare il pallone”. A volte traslitterato come “cuju“, il gioco prevedeva di calciare un pallone fatto di pelle di maiale o di cane imbottito di piume in una piccola rete situata in alto rispetto al suolo, al contrario dei giocatori di calcio di oggi che calciano un pallone in una grande rete situata dietro un portiere. Come i calciatori di oggi, agli tsu chuer non era permesso spingere la palla con le mani.

Sulla base di documenti storici, lo tsu chu era popolare durante la dinastia Han, iniziata nel 202 a.C., e si sarebbe evoluta e trasformata nel tempo. Ma se esisteva già 2.200 anni fa, sembrerebbe che un proto-gioco del calcio esistesse già prima. La leggenda sussurra addirittura che la sua origine risieda nell’addestramento dei soldati al tempo del noto mitico Imperatore Giallo Huang-Di che, secondo gli schemi convenzionali, regnò  tra il 2697 e il 2597 a.C. Le palle utilizzate erano reali e piuttosto grezze, dalla forma di melograno.

In ogni caso, nella Necropoli di Yanghai, nel nord-ovest della Cina, sono state trovate vere e proprie palline fatte di pelle di pecora e imbottite di pelo, ascrivibili a circa 3000 anni fa.

L’uso di queste palle è pura congettura perché non sono stati trovati attrezzi sportivi come bastoni per batterle. I ricercatori ipotizzano che siano state utilizzate in uno sport competitivo di squadra simile al polo, secondo Patrick Wertmann, archeologo dell‘Università di Zurigo e membro del team cdi ricerca in Cina.

Due delle tre palle sono state trovate in tombe maschili che potrebbero essere stati cavalieri di questo gioco, anche sulla base del corredo trovato nelle sepolture. Non sono state trovate mazze da polo vere e proprie, ma la relativa uniformità delle dimensioni delle palline Yanghai, da 7,2 a 9,2 centimetri di diametro, supporta la tesi che fossero usate nei giochi a cavallo, secondo lo Smithsonian . Due delle sfere erano contrassegnate da una croce rossa.

Una sfera ancora più antica, che era plausibilmente una palla per giocare, è stata trovata nella sepoltura di un bambino egiziano di 4.500 anni scavata nel 1912. Era relativamente organica, realizzata con uno straccio di lino arrotolato a palla e legata in forma con lo spago.

Poiché gli antichi corredi funerari sepolti con i morti erano teoricamente designati per l’uso nell’aldilà, si può immaginare che la palla potesse essere un caro giocattolo sepolto con il bambino. Inoltre, su un affresco trovato in una tomba della Necropoli di Beni Hasan, risalente alla XII Dinastia egizia, quasi 4.000 anni fa, mostra due uomini con bastoni e una palla che, secondo alcuni , sembrerebbero giocare a hockey.

Passando alle Americhe precolombiane, troviamo un popolare gioco di dodgeball mortale che gli aztechi chiamavano ollamalīztli e i maya chiamavano pitz , coinvolgendo una palla di gomma del peso di 4 chilogrammi che poteva e probabilmente rompeva anche le ossa.

La datazione del gioco, ascrivibile ad almeno 3.600 anni fa, si basa sulla scoperta di un monumentale campo da gioco e di palline risalenti a quel periodo.

Le sue regole, se ce ne erano, sono andate perdute nel tempo. Gli archeologi sospettano che tutti i perdenti sopravvissuti siano stati sacrificati, almeno nelle successive varianti del gioco. I Maya per esempio hanno prodotto affreschi parietali che raffigurano esplicitamente sacrifici umani sui campi da gioco. Tuttavia, il pensiero è che stessero interpretando il pitz come variante per la guerra, quindi forse questo spiega l’aspetto omicida del finale.

Le versioni successive del gioco non si sono concluse con il massacro e potrebbero aver comportato la spinta della palla con i fianchi. In effetti, il gioco sopravvive fino ad oggi, in un’incarnazione benigna chiamata ulama , utilizzando una palla di gomma.

In Nord America, tra le popolazioni native il gioco antico più conosciuto è lo stickball, che serviva anche, in alcuni gruppi come i Cherokee, come preparazione per la battaglia. La data di pratica dello stickball nonè certa ma risale almeno a pochi secoli fa e potrebbe coinvolgere centinaia di giocatori. Lo stickball si sarebbe evoluto in lacrosse.

Esitevano giochi con la palla anche nell’antica Grecia, uno dei quali si pensa fosse cugino dell’hockey circa 2500 anni fa. Un’immagine del gioco appare sulla base di una statua funeraria, oggi scomparsa, da Kerameikos, Atene, rinvenuta nel 1922 . In realtà il gioco greco sembrerebbe non dissimile da quello antico egizio. Un secondo basamento funerario privo della statua, rinvenuto proprio accanto a questo primo, mostra anch’esso un gioco della palla.

In Scozia, nel frattempo, gli archeologi hanno trovato numerose sfere di pietra scolpita databili tra il Tardo Neolitico e l’Età del Bronzo, alcune squisitamente decorate. Alcuni sono stati trovati a Skara Brae, la città costiera neolitica dove le pecore, appena introdotte, mangiavano alghe perché non avevano scelta. Non tutte sono perfettamente rotonde; la maggior parte sono nodose e il loro uso è sconcertante. Alcuni pensano che sia una bolas; alcuni pensano al rituale; alcuni pensano pietre affondanti per reti da pesca.

Una teoria innovativa suggerisce addirittura che almeno alcuni fossero usati come cuscinetti a sfera per trasportare monoliti giganti.

Ecco, dunque, come i giochi con la palla risalgano a migliaia di anni fa, culminando in giochi come il calcio di oggi, per fortuna non in tutti gli aspetti…

 

Daniele Mancini

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!