sabato, 22 Giugno 2024
Scoperte&SitiArcheologici

LA CITTA’ GEMELLA DI DURA-EUROPOS, L’ANTICA GIDDAN/EDDANA, TRASCURATA DAL COLONIALISMO ARCHEOLOGICO

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Il sito di Dura-Europos, nell’odierna Siria, è famoso per il suo eccezionale stato di conservazione:  questa antica città ha prodotto molte grandi scoperte e funge da finestra sul mondo per i periodi ellenistico, partico e romano. Eppure, nonostante l’importanza di Dura-Europos negli studi del Vicino Oriente, c’è un’altra città, solo a pochi chilometri a valle del fiume Eufrate, che offre un’opportunità di studio a lungo trascurata.

Veduta aerea delle rovine di Anqa, di Aurel Stein. Crediti: Archivio fotografico aereo per l’archeologia del Medio Oriente (APAAME)

Un nuovo articolo sul  Journal of Near Eastern Studies ,  identifica la città di Anqa come un’immagine quasi speculare di Dura-Europos (nell’immagine di copertina, ricostruzione 3D del sito di Anqa). Europos, della stessa dimensione, composizione architettonica comparabile e dal valore potenzialmente uguale per gli studiosi della regione.

Anqa l’antica Giddan/Eddana, si trova appena oltre il confine siriano, nell’attuale distretto di Al-Qaim del Governatorato di Anbar, in Iraq. I suoi resti includono un tumulo identificativo, all’estremità settentrionale del sito, un circuito di mura interne poligonali e una grande cinta muraria difensiva esterna.

Situata in un punto in cui la pianura alluvionale dell’Eufrate si restringe drasticamente, la città avrebbe controllato il movimento tra la sezione popolosa della valle a monte e la via commerciale a valle che collegava la Siria, la Mesopotamia settentrionale e Babilonia, conferendole un grande significato strategico ed economico.

La Porta di Palyra a Dura-Europos
La Porta di Palmyra a Dura-Europos

Tuttavia, il sito fu completamente ignorato dagli archeologi fino al 1850 quando furono realizzati sondaggi esplorativi di poco conto della spedizione britannica nel Medio Eufrate. Uno studio più approfondito del sito fu eseguito alla fine degli anni ’30 da Aurel Stein, comprese fotografie aeree delle strutture esistenti, ma anche dopo queste indagini, scarso era il desiderio e l’interesse di saperne di più oltre alla posizione geografica di questa città gemella con Dura-Europos. .

Una delle ragioni della disparità di interesse tra Anqa e Dura-Europos, postula l’autore dell’articolo Simon James, è la storia dell’intervento coloniale britannico e francese nella regione.

Nel 1920, a seguito della Conferenza di San Remo, l’Iraq passò al controllo britannico e la Siria a quello francese. Secondo James, il nuovo confine politico, militare e amministrativo ha creato una barriera alla ricerca e alla comprensione della storia precedente della regione nel suo insieme.

Tuttavia, mentre Dura-Europos e alcuni altri siti in Iraq e Siria hanno subito saccheggi, distruzioni e morti civili in conseguenza del conflitto nella regione, Anqa è rimasta relativamente intatta. Con l’esecuzione di ulteriori indagini archeologiche, Anqa potrebbe continuare a fornire preziose informazioni sulla storia del Medio Eufrate e, inoltre, poiché i metodi di ricerca con nuove tecnologie possono spaziare oltre i confini politici e ideologici, la pratica di studiare siti come questo potrebbe persino, nelle parole di Simon James, aiutare ad “affrontare le conseguenze del colonialismo in archeologia”.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Università di Chicago

Sito di Dura-Europos

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!