domenica, 14 Aprile 2024
NuoveTecnologie

GEORADAR POTREBBE CONFERMARE L’ESISTENZA DI UN EMPORIO VICHINGO A KLOSTERØY, NORVEGIA, PRIMA DEL MONASTERO

Per leggere questo articolo occorrono 4 minuti

Una nuova ricerca archeologica indicherebbe che l’isola norvegese di Klosterøy potrebbe nascondere i resti di un emporio vichingo.

Gli archeologi di un team norvegese, che hanno esplorato parte della storica isola di Klosterøy, nel sud-ovest della Norvegia a circa 300 chilometri a ovest di Oslo, hanno utilizzato un georadar a penetrazione del terreno per rilevare segnali provenienti da quelli che sembrano essere i resti sepolti di diverse edifici e strutture.

L’emporio potrebbe essere stato fondato più tardi, forse quando l’isola era una occupato solo da una fattoria reale fondata dal primo re di Norvegia, Harald Fairhair (regnò dall’872 al 930 d.C.) e solo successivamente un monastero per monaci agostiniani fu costruito accanto al sito.

Anche il monastero potrebbe essere il segno che un insediamento sull’isola era un centro di potere locale, perché le prime istituzioni cristiane in Scandinavia tendevano ad essere costruite in tali luoghi.

Klosterøy, inolte, si trova a pochi chilometri dall’isola di Karmøy, dove sono state trovate le sepolture di tre navi vichinghe .

Il monastero, noto come Abbazia di Utstein, fu abbandonato nel XVI secolo durante la Riforma protestante norvegese, ma l’edificio fu successivamente utilizzato come fattoria. Ora è sottoposto a vincolo monumentale protetto come il monastero medievale meglio conservato della Norvegia .

Lo studio ha esaminato il terreno accanto al monastero di Klosterøy,  dove numerosi reperti avrebbero indicato che lì avevano avuto luogo una serie di scambi commerciali.

Gli archeologi hanno condotto la nuova ricerca senza scavare il terreno nel sito adoperando un georadar che penetra nel terreno per rivelare cosa potesse essere sepolto.

Hillesland ha spiegato che la squadra aveva rilevato tracce di diverse fosse circolari, che misuravano tra i 2 e 10 metri di diametro, che erano molto simili alle “case a fossa” dell’epoca vichinga, scavate in altri siti in Norvegia.

Le case a fossa di Klosterøy erano utilizzate anche in molti luoghi d’Europa ed erano particolarmente comuni in Scandinavia fino al Medioevo. Venivano realizzate in modo che il pavimento fosse sotto il livello del suolo e poi coperte con un tetto spiovente tipicamente realizzato in legno, fango e paglia, sistema che contribuiva a mantenere una temperatura quasi fissa in tutti i periodi dell’anno.

I resti di tali case a fossa sono stati spesso trovati negli empori dell’Età del Ferro prima e del periodo vichingo poi, in Scandinavia, dove sembrano essere stati utilizzati come laboratori per attività come la tessitura.

L’indagine ha anche rivelato i resti sepolti di tre moli o rimesse per barche vicino alla riva, che potrebbero essere stati i luoghi in cui attraccavano le navi per accedere all’emporio, alla fattoria reale o forse al successivo monastero. È probabile che l’emporio operasse solo durante i mesi più caldi.

Nel loro insieme, le prove dell’indagine con georadar e i ritrovamenti dalle ricognizioni suggeriscono che nel sito avrebbe potuto ospitare un emporio durante l’Età vichinga e l’Alto medioevo.

Altre caratteristiche archeologiche dell’isola suggeriscono che fosse un sito importante per alcuni dei primi popoli della regione. Nei pressi del monastero sono stati rinvenuti cumuli di pietre che potrebbero essere resti di antiche sepolture dell’Età del Ferro.

Il georadar ha anche mostrato quelli che potrebbero essere i resti di fosse di combustione, che sembrano essere collegate ad attività funerarie attorno ai tumuli più antichi del sito.

Hillesland  ha sottolineato che i resti di un emporio vichingo non possono essere confermati finché non saranno completamente scavati. Ma il sito e il monastero si trovano su un terreno privato e non sono stati pianificati scavi in siti privati, anche se i segnali radar che penetrano nel terreno forniscono un indizio su ciò che i futuri archeologi potrebbero trovare.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Università di Stavanger

Vichinghi, navi

 

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!