STATUETTA IN LEGNO RINVENUTA IN FOSSATO ROMANO A TWYFORD, INGHILTERRA

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Durante i lavori del progetto HS2 è stata scoperta una rara figura intagliata in legno: nel luglio 2021, gli archeologi di Infra Archaeology, che lavorano per l’appaltatore Fusion JV di HS2, hanno rinvenuto, in un fossato di epoca romana, il manufatto ligneo ben conservato presso il centro di Twyford, nel Buckinghamshire, in Inghilterra.

Mentre stavano indagando al Three Bridge Mill, il team si è imbattuto in quello che inizialmente si pensava fosse un pezzo di legno degradato che invece si è rivelata essere una figura antropomorfa ricavata da un unico pezzo di legno,  alta 67 cm e larga 18 cm.

Una prima valutazione sullo stile della lavorazione e dell’abbigliamento a tunica del manufatto farebbe risalire la figura lignea al primo periodo romano.  Nello stesso fossato sono stati rinvenuti anche frammenti di ceramica risalenti al 43-70 d.C. Sebbene gli archeologi non possano essere certi dell’uso della figura scolpita, confronti con immagini scolpite in legno simili conducono alle tipologie di offerte votive alle divinità ed è anche possibile che, invece di essere stato gettato casualmente nel fossato, vi sia stato collocato deliberatamente.

Sorprende l’incredibile conservazione del manufatto: la mancanza di ossigeno nel riempimento argilloso del fossato, impregnato d’acqua, ha contribuito a prevenire la decomposizione del legno, preservandolo per secoli.

Iain Williamson, archeologo per la Fusion JV, osserva che la straordinaria scoperta di questa figura in legno è stata del tutto inaspettata: la conservazione dei dettagli scolpiti nel legno, come i capelli e la tunica, mostra l’attento lavoro degli artigiani che l’hanno realizzato. La sopravvivenza di una figura in legno come questa, anche se non estremamente rara per il periodo romano in Gran Bretagna (si vedano la tavolette di Vindolanda), solleva anche nuovi quesiti sull’importanza del sito, perché era importante vivere in questa parte del Buckinghamshire durante il I secolo d.C., su chi rappresenti la figura in legno, a cosa servisse.

Gli arti del manufatto antropomorfo sono estremamente degradati ma una sorprendente quantità di dettagli rimane visibile nell’intaglio con il copricapo o l’acconciatura della figura, chiaramente evidenti. La testa è leggermente ruotata a sinistra, la tunica sul davanti sembra essere raccolta in vita e raggiunge l’altezza del ginocchio, gli arti inferiori riporta i muscoli e il polpaccio ben definiti.

La figura è attualmente conservata nel laboratorio specializzato della York Archaeology dove sarà sottoposta alle analisi di routine e alla conservazione. Un piccolo frammento distaccato della figura, trovato nel fossato, è stato inviato per la datazione al radiocarbonio per fornire una data precisa e per un’analisi isotopica stabile che potrebbe indicare l’origine precipua del legno.

Helen Wass, dirigente della sezione dedicata al patrimonio culturale presso la HS2 Ltd, conferma che il programma di archeologia della società è senza precedenti, riuscendo a fornire notevoli informazioni sul passato del terriotorio, soprattutto durante il periodo romano.

La presenza di figure intagliate, in legno, nella storia dell’Isola britannica è estremamente rara. Nel 2019 un manufatto di legno, ritenuto un’offerta votiva romana, è stato trovato in fondo a un pozzo a Northampton, simile alla figure intagliate romane recuperate a Digione e Chamalières, in Francia. Una scultura in legno, il celebre “Idolo di Dagenham“, è stata recuperata dalla riva nord del Tamigi nel 1922 ed è stata datata al periodo neolitico mentre una figura ligneaa attribuita alla della prima Età del Ferro britannica è stata recuperata dalle rive del fiume Teign, presso Kingsteignton, nel 1866.

Jim Williams, Senior Science Advisor per Historic England, ritiene che questa sia una scoperta davvero straordinaria: la qualità dell’intaglio e la forma dell’intera figura sono eccezionali, mostrando una base artistica artigianale di notevole spessore.

Ulteriori analisi che saranno realizzate hanno il potenziale per rivelare ulterioridettagli, forse anche fornendo indizi su dove è stato realizzato il prezioso manufatto.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: HS2 Mediacentre

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: