RINVENUTO TESORETTO CELTICO DI “COPPE ARCOBALENO”, BAITZ, GERMANIA

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Un tesoretto di 41 coppette/monete d’oro concave celtiche/coppe arcobaleno è stato scoperto nello stato del Brandeburgo, nella Germania nord-orientale.

Le monete non hanno segni e il numismatico Marjanko Pilekić della Fondazione Schloss Friedenstein Gotha stima che siano state coniate tra il 125 e il 30 a.C., da un confronto di peso e dimensioni con altre antiche coppe arcobaleno rinvenute nel territorio.

Sono conosciute con il nome tedesco “regenbogenschüsselchen“, che si traduce in “coppe arcobaleno” e, secondo Pilekić, la leggenda risale intorno al XVIII secolo e deriva dal fatto che le monete venivano spesso trovate dai contadini dopo essere state rivelate dalle piogge. La tradizione popolare sosteneva che le monete apparissero dove un arcobaleno toccava la terra e alcuni credevano che fossero gettoni fortunati con proprietà curative, proprio come la leggenda secondo cui c’è una pentola d’oro alla fine di un arcobaleno.

Questo è il più grande tesoro di oggetti d’oro celtici che sia stato trovato nel Brandeburgo e si trova a diverse centinaia di miglia da aree note per essere state occupate dai celtici. Non è chiaro come le monete siano arrivate così lontano ma Pilekić suggerisce che probabilmente siano state trasportate in gruppo.

Il tesoro è stato scoperto da Wolfgang Herkt, un archeologo del Brandenburg State Heritage Management and Archaeological State Museum (BLDAM), vicino al villaggio di Baitz, nel 2017. Dopo che Herkt ha ottenuto il permesso da un proprietario terriero di effettuare una ricognizione in una fattoria locale, è riuscito a individuare oggetti brillanti e dorati.

Durante la tarda Età del Ferro germanica, le aree centrali della Cultura archeologica celtica di La Tène (ascrivibile al periodo tra il 450 a.C. circa fino alla conquista romana nel I secolo a.C.) corrispondevano allle regioni dell’attuale Inghilterra, Francia, Belgio, Svizzera, Austria, Germania meridionale e Repubblica Ceca. E proprio nella Germania meridionale, secondo  Pilekić , è possibile trovare un gran numero di coppe arcobaleno come quelle del Brandeburgo.

Tuttavia, i Celti non vivevano nel Brandeburgo e, quindi, la scoperta suggerisce che l’Europa dell’Età del Ferro avesse vaste reti commerciali.

Dallo studio statistico, delle 41 monete d’oro, 19 sono monete note come stateri, che hanno un diametro di circa 2 centimetri e un peso medio di circa 7,3 grammi; altre 22 sono 1/4 di statere, hanno un diametro più piccolo, circa 1,4 cm e un peso medio di 1,8 g. L’intero tesoretto è privo di immagini.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Land Bandendenburg

Monete

Ciao! Lascia un commento. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: