PRIMA SCRITTURA MAYA SU STELE DI 2.000 ANNI FA

Per leggere questo articolo occorrono circa 1 minuti

Una stele di 2.000 anni rinvenuta nel settembre 2018 nel sud-ovest del Guatemala avrebbe rivelato i segni della nascita della scrittura nella Cultura Maya che ha dominato il sud del Messico e parte dell’America centrale, nei territori compresi tra il sud del Messico, Guatemala, El Salvador, Honduras e Belize.

La Stele 87, come è stata denominata, è stata trovata nel Parco Archeologico Tak’alik Ab’aj, nel comune di El Asintal, a 125 km a sud-ovest della capitale guatemalteca, oggi sito del Patrimonio dell UNESCO.

Secondo l’epigrafista tedesco Nikolai Grube, è un esempio della genesi della scrittura Maya. La grande importanza della stele 87 mostra come lo sviluppo della scrittura in Mesoamerica e  sia avvenuto in un luogo preciso per la sperimentazione per la scrittura Maya.

Sebbene non sia stata raggiunta una codifica della “lettura linguistica” dei geroglifici maya, l’esperto ha affermato che la stele mostra un sovrano con il suo nome, i titoli e la citazione di un più antico testo Maya.

La stele risale introno al 100 a.C., corrispondente alla fine del periodo preclassico maya (2000 a.C.-250 d.C.), ed è incisa nella roccia naturale. Tak’alik Ab’aj era una città originariamente abitata dagli Olmechi, una popolazione mesoamericana vissuta tra il 1400 a.C. al 400 a.C., e dai Maya durante la loro espansione nel periodo classico maya (250 d.C – 900 d.C.), in cui ha avuto il suo massimo splendore, fino al declino del periodo post classico (900 d.C. – 1539 d.C.), conclusosi con l’invasione spagnola.

Quando gli Olmechi sono scomparsi, i Maya hanno continuato a sviluppare la loro cultura avanzata. L’archeologa guatemalteca Christa Schieber, coordinatrice tecnica del parco, ha dichiarato che Tak’alik Ab’aj era, dunque, una sorta di  “laboratorio per esperimenti” nella scrittura Maya che, successivamente, si sono evoluti.

Nel 2012, gli archeologi guatemaltechi hanno annunciato la scoperta della tomba di un potente re a Tak’alik Ab’aj, che avrebbe potuto portare al passaggio dalla cultura olmeca alla cultura Maya tra il 700 e il 400 a.C.

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Maya

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: