giovedì, 13 Giugno 2024
Scoperte&SitiArcheologici

LIXUS, MAROCCO, DAI FENICI ALLA MARETANIA ROMANA

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Secondo lo scrittore, naturalista, filosofo naturalista, comandante militare e governatore di provincia, vissuto tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C.. Plinio il Vecchio, l’antica città di Lixus o Lisso, nell’attuale Marocco settentrionale, era il sito del Giardino delle Esperidi, dove si dice che l’eroe semidivino Ercole/Herakles abbia ucciso il drago che custodiva il mitologico albero delle mele d’oro.

Le prime tracce di un insediamento a Lixus risalgono all’VIII secolo a.C., quando i Fenici del Levante costruirono uno dei loro primi emporia del Mediterraneo occidentale, in cima a un altopiano affacciato sul fiume Loukkos.

Secondo l’archeologo Stephen Collins-Elliott dell’Università del Tennessee, Knoxville, duemila anni fa, Lixus si sarebbe trovata su una penisola in una laguna salmastra, rispetto alla posizione più all’interno di oggi. La posizione della città su questa insenatura navigabile, spiega, avrebbe fornito uno dei pochi porti sicuri sulla costa atlantica del Nord Africa per l’attracco dei marinai durante i lunghi viaggi per mare.

Lixus divenne parte del Regno di Mauretania sotto il re Giuba II (regnò dal 25 a.C. al 23 d.C.) e suo figlio Tolomeo I (regnò dal 23 al 40 d.C.), che furono responsabili della trasformazione di Lixus in una città portuale in forte espansione. Juba commissionò un complesso edilizio monumentale sulla sommità della città, che gli studiosi tradizionalmente presumono fosse un’area del tempio ma che altri hanno più recentemente interpretato come un palazzo.

Durante una visita a Roma, Tolomeo fu assassinato per ordine dell’imperatore megalomane Caligola (regnò dal 37 al 41 d.C.). La sua esecuzione scatenò una rivolta in Mauretania che fu presto seguita dall’assassinio di Caligola. Le truppe inviate dal nuovo imperatore, Claudio (regnò dal 41 al 54 d.C.), sedarono la rivolta e Roma annesse la Mauretania Tingitana nella Provincia d’Africa di Mauritania.

Con il suo nuovo status di colonia romana, Lixus continuò a prosperare come centro del commercio marittimo e dell’industria e, come afferma anche Collins-Elliott, Lixus è nota per avere avuto i bacini più grandi per la produzione di garum , la famosa salsa di pesce, nel Mediterraneo occidentale.

Da quando è stata identificata come l’antica Lixus nel XIX secolo, meno del 10% del sito di oltre 60 ettari è stato scavato. Sono attualmente in corso nuovi scavi proprio presso gli impianti di produzione del garum. L’archeologo Aomar Akerraz dell’Istituto nazionale di Scienze e Patrimonio archeologico del Marocco e Collins-Elliott hanno recentemente completato un’indagine e uno scavo nella circostante Valle del Loukkos per valutare il contributo dei siti rurali all’economia di Lixus e gli effetti della conquista romana sulle popolazioni dell’entroterra.

Un nuovo museo locale espone manufatti di ogni periodo dell’occupazione di Lixus, dal primo insediamento dei Fenici a quelli di una moschea del XIV secolo. Le strutture di epoca romana includono anche un anfiteatro, l’unico conosciuto in Marocco. Adiacente ad esso si trova un grande impianto termale, il cui salone centrale presenta un mosaico pavimentale raffigurante il dio Oceano.

In uno dei quartieri residenziali di Lixus, sono state portate alla luce due grandi domus, la Casa di Helios e la Casa di Marte e Rea, che prendono il nome dai loro mosaici a tema mitologico. Questi mosaici sono ora esposti nel Museo Archeologico di Tétouan, oltre 100 chilometri a nord-est di Lixus.

 

Daniele Mancini

Per ulteriori info: Gardens Of The Hesperides: The Rural Archaeology Of The Loukkos Valley

Mauretania

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!