lunedì, 26 Febbraio 2024
Scoperte&SitiArcheologici

GIOCATTOLI MAYA E COME ERANO UTILIZZATI DAI BAMBINI MESOAMERICANI

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Durante l’infanzia, ogni bambino ha avuto giocattoli come bambole di plastica o di porcellana e animali di gomma e di peluche, incluso esseri o animali mitici come gli unicorni. Ogni bambino ha creato le sue storie fantastiche in cui tutti i suoi amici giocattoli interagivano tra loro, con gli altri amici o con le persone che stavano guardando. Tutti i giocattoli e il modo in cui ogni bambino ha giocato comunicavano qualcosa sulla personalità dei creatori delle storie, sulla sua famiglia e sulla società in cui è cresciuto.

Questo, ovviamente, non è un fenomeno nuovo. Gli scavi archeologici in tutto il mondo hanno portato alla luce alcuni dei giocattoli con cui giocavano i bambini di ogni civiltà. Grazie alle indagini archeologiche degli ultimi decenni, si è scoperto che i bambini della seconda metà del periodo Maya Classico (250–950 d.C.), giocavano con alcuni manufatti che non sono mai stati sottoposti a uno studio specifico, anche se costituiscono una componente molto importante in una famiglia tipica mesoamericana. Secondo l’archeologa Daniela Triadan dell’Università dell’Arizona, questi manufatti rappresentano, dunque, un modo per osservarne il loro modo di giocare.

I quattro personaggi in ceramica, alcuni delle 253 statuette e frammenti del periodo tardo classico  rinvenuti nella potente città di Ceibal, – sono stati scoperti in tre diverse sepolture di bambini e raffigurano un uomo seduto che indossa un elaborato copricapo, un uomo seduto indicato come il Dio Grasso o la Faccia Grassa, una nobildonna vestita in modo elaborato e un pipistrello antropomorfo.

Secondo la Triadan, questi sono esempi di un gruppo di personaggi rappresentati da manufatti simili trovati in tutto il mondo Maya che sono sopravvissuti e relativamente rimasti immutati per secoli. Ovviamente, non sono persone realistiche, ma adulti idealizzati, mai figurine per bambini, così come animali e esseri soprannaturali. La Triadal ritiene che si avvicinano, per mera similitudine, agli spettacoli di marionette tedeschi che risalgono al medioevo e hanno personaggi standard come il giullare, la strega, il coccodrillo e il poliziotto, che vengono rappresentati per i bambini ma hanno anche sfumature morali.

L’archeologa Jessica MacLellan della Wake Forest University afferma che tali oggetti insegnavano e riflettevano le norme sociali Maya relative al genere, all’immagine corporea e allo status, sono giocattli / manufatti che hanno influenzato le relazioni tra bambini e adulti e hanno plasmato gli ideali a cui i bambini hanno guardato mentre crescevano e la produzione di questi oggetti è stata piuttosto prolifica proprio durante il periodo classico.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Journal of Anthropological Archaeology

Giocattoli romani

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!