Convengno “riComunicare il patrimonio archeologico teatino”. Cui prodest?

Per leggere questo articolo occorrono circa 1 minuti

Chieti s’è desta? O è il solito fuoco di paglia? E’ un’ottima iniziativa, non c’è dubbio! Ma è veramente la volta buona per “fare” qualcosa per la nostra città? Oppure, questo convegno, incluso nel programma delle feste di maggio di Chieti, il Maggio Teatino, serve a riempire un programma o contribuirà a sensibilizzare le istituzioni per sviluppare programmi seri e duraturi affinchè il patrimonio archeologico sia fruibile permanentemente ed essere considerato una vera risorsa economica locale?

Ricostruzione virtuale dei monumenti archeologici più importanti di Teate. Immagini tratte dalla app "La Teate degli Asinii"
Ricostruzione virtuale dei monumenti archeologici più importanti di Teate. Immagini tratte dalla app “La Teate degli Asinii”

Riepilogando: domani, nella sede di Piazza G.B. Vico della Camera di Commercio di Chieti, è in programma il convegno dal titolo Beni Culturali e tecnologie – riComunicare il patrimonio archeologico teatino, promosso dal Comune di Chieti e dalla Soprintendenza Archeologia dell’Abruzzo, in collaborazione con la Camera di Commercio di Chieti stessa  e dall’Assessorato alla Cultura della Regione Abruzzo. La mattina gli studenti delle scuole superiori Chieti realizzeranno iniziative di divulgazione del patrimonio culturale cittadino; nel pomeriggio la sessione tecnica con l’intervento, tra gli altri, del sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali e Turismo, Dorina Bianchi.

“L’iniziativa intende comunicare alla cittadinanza progetti e prodotti d’intesa attuali per la valorizzazione del patrimonio archeologico teatino. Una riflessione sull’innovazione comunicativa che mira a raccontare il passato in una forma attuale mediante audiovisivi, produzioni multimediali e narrazione partecipata”, cita un comunicato stampa…

Staremo a vedere!

 

Daniele Mancini

 

La locandina del convegno con l’intero programma.

 

locandina invito

Ciao! Lascia un commento. Grazie