LA PIU’ ANTICA MOSCHEA EUROPEA INDIVIDUATA SOPRA UNA CITTA’ VISIGOTA, SPAGNA

Per leggere questo articolo occorrono circa 2 minuti

Un team di archeologi, grazie all’ausilio di moderne tecnologie, ha rilevato caratteristiche a lungo nascoste sotto i resti di una città visigota, in Spagna, tra cui ambienti inesplorati di un palazzo e un edificio che potrebbe essere una delle più antiche moschee in Europa.

Senza effettuare scavi archeologici, i ricercatori hanno adoperato uno strumento geomagnetico per rivelare pareti e altre strutture ancora sepolte al di sotto di Reccopolis, una città visigota posta in una zona rurale fuori Madrid. Il team ha scoperto che la città di 1.400 anni era molto più estesa di quanto le rovine visibili nel sito oggi suggerirebbero.

Michael McCormick, storico e archeologo medievale dell’Università di Harvard, è riuscito a sondare numerosi spazi del territorio di Reccopolis, individuando edifici, strade e passaggi.

Visigoti sono stati una delle popolazioni germaniche che è riuscito a stabilire un regno nell’Europa sudoccidentale nella tarda antichità, alle soglie del Medioevo. Hanno effettuato il celebre Sacco di Roma nell’anno 410 e, dalla seconda metà del VI secolo, hanno trasformato la penisola iberica nel centro del potere visigoto.

Re Leovigildo ha farro di Toledo la sua capitale reale e più a monte, lungo il fiume Tago, ha fatto edificare una nuova città chiamata Reccopolis nel 578.

Gli scavi sono in corso a Reccopolis da alcuni decenni, ma solo l’8% dell’area all’interno della cinta muraria cittadina è stata identificata. Quando McCormick ha visitato il sito nel 2014, ha ammirato i resti del palazzo reale, una cappella e alcune tabernae, ponendo al suo collega di studi, il direttore degli scavi Lauro Olmo Enciso, dell’Università di Alcalá, in Spagna, la domanda su do ve potesse essere il resto della città.

Diversi sono i ricercatori dei due istituti di ricerca che hanno collaborato per eseguire il primo rilevamento geomagnetico del sito che proseguirà anche il prossimo anno. Questa tecnica di prospezione non invasiva consente agli archeologi di identificare strutture poste sotto il terreno mappando le anomalie magnetiche riscontrate. I risultati avrebbero dimostrato che gli spazi vuoti all’interno delle mura della città di Reccopolis erano pieni di strade e edifici nascosti. . I risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Antiquity .

Secondo McCormick, grazie a questo nuovo sondaggio geomagnetico, si è definitivamente compresa l’entità dello spazio circondato dalle mura della città, del suo sviluppo e che la sua popolazione era abbastanza grande da poter popolare parzialmente anche oltre le mura della città, in un periodo a lungo pensato per stato essere caratterizzato da declino urbano e collasso demografico.

Reccopolis è stata edificata durante le turbolenze del VI secolo quando, dall’Europa occidentale alla Cina, importanti migrazioni di massa, collasso imperiale, carenza di cibo e carestia, nonché al primo focolaio noto della peste bubbonica, hanno stravolto la vita del mondo

I ricercatori hanno, inoltre, recentemente definito un periodo di rapido cambiamento climatico, definito la tardo antica era glaciale, durata dal 536 al 660 circa, forse provocata da una serie di eruzioni vulcaniche nell’emisfero settentrionale, uno dei catalizzatori per il diffuso sconvolgimento.

I sovrani visigoti della regione sono stati deposti durante la conquista islamica del 711 e alcune prove geofisiche mostrano alcuni segni di occupazione musulmana prima che la città fosse abbandonata verso l’800.

I ricercatori avrebbero identificato un grande edificio al di sopra della città visigota, con un orientamento diverso da tutti gli altri posti nel sito, verso la Mecca. La planimetria ricorda quella delle moschee in Medio Oriente e McCormick ritiene che solo gli scavi saranno in grado di confermare se l’edificio è davvero il luogo di preghiera dei Musulmani.

Se lo sarà, potrebbe essere la più antica moschea edificata in Europa.

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: