NESSUNA TOMBA PER ANTONIO E CLEOPATRA

Per leggere questo articolo occorrono circa 2 minuti

Nelle ultime settimane, numerosi media hanno affermato che un gruppo di archeologi guidati sia stato sul punto di rinvenire la tomba di Marco AntonioCleopatra VII in un sito egiziano, presso la località di Taposiris Magna, a ovest di Alessandria d’Egitto.

La tomba di una una delle coppie di amanti più famose della storia, purtroppo, resterà ancora un sogno per molto tempo e per molti studiosi, incluso l’anfitrionesco Zahi Hawass in primis: dunque, deve ancora essere scoperta.

L’ex ministro delle antichità egiziano, ha dovuto clamorosamente retrocedere, per l’ennesima volta, da alcune sue dichiarazioni secondo le quali si era vicini alla scoperta, ma era il “suo” solito specchietto per le allodole.

La notizia diffusa dai principali organi di informazione mondiali, e riportata da numerosi lettori sui diversi social, ha preso spunto dalle dichiarazioni rilasciate da Zahi Hawass durante una recente conferenza a Palermo in cui ha impavidamente affermato che la tomba dei famosi amanti stava per essere trovata.

A quella conferenza, Hawass, ha discusso, tra l’altro, anche delle scoperte realizzate a Taposiris Magna da un team di studiosi guidato
dall’archeologa dominicana Kathleen Martinez, che ha sempre fermamente creduto che la tomba di Marco Antonio e Cleopatra VII potesse essere situata nel sito in questione.

Il team della Martinez, da oltre 10 anni conduce indagini archeologiche a Taposiris Magna, realizzando numerose scoperte risalenti al periodo tolemaico della storia egiziana (305 a.C. – 30 a.C.), quel periodo in cui una dinastia di faraoni, discendente dal generale e amico d’infanzia di Alessandro Magno, Tolomeo Sotere o, semplicemente, Tolomeo I, ha regnato sulla terra del Nilo. Dopo la morte di Cleopatra VII, nel 30 a.C., l’Egitto è divenuta una provincia romana.

Antonio e Cleopatra interpretati da Richard Burton e Liz Taylor, grandi amanti nel cinema

Marco Antonio, vissuto tra l’83 a.C. e il 30 a.C., e Cleopatra VII, vissuta tra il 69 a.C. e il 30 a.C., sono considerati due degli innamorati più sfortunati della storia . Antonio era un generale romano che, per un periodo, ha realizzato un’alleanza con Ottaviano, governando congiuntamente l’impero in espansione di Roma. Antonio ha trascorso gran parte del suo tempo in Egitto, dove si è innamorato di Cleopatra, già amante, a sua volta, di Giulio Cesare.

Ottaviano e Antonio, sono entrati in discordia tra loro nel 32 a.C. e l’anno successivo (31 a.C.), nella fraticida Battaglia di Azio, la flotta di Cleopatra e Marco Antonio subirono una cocente e definitiva sconfitta. I due amanti sono riusciti a fuggire in Egitto e, quando Ottaviano è approdato sul suolo Egiziano, Antonio e Cleopatra si sono suicidati, ad Alessandria, per non incorrere nell’ira del futuro imperatore. Eravamo nel 30 a.C.

Le fonti storiche narrano di Antonio e Cleopatra. Svetonio, vissuto tra il 69 e il 122 d.C., e Plutarco, vissuto tra tra il 46 al 125 d.C., scrivono che i due amanti sono stati deposti in un’unica tomba.

Secondo Plutarco, ne La Vita di Antonio, lo stesso Ottaviano “[…], benché contrariato dalla morte della donna, ammirò la sua fierezza e dispose che il suo corpo fosse sepolto con tutti gli splendori consueti ai re, insieme ad Antonio […].”

Secondo Svetonio, ne La Vita dei Cesari, Ottaviano “[…] concesse ad entrambi l’onore della sepoltura e nella medesima tomba, ordinando che il mausoleo che loro avevano iniziato a costruire fosse terminato […] “.

Questa tomba non è mai stata trovata. Attendiamo trepidanti!

Daniele Mancini

Per ulteriori info di egittologia: Djed Medu

Ciao! Lascia un commento. Grazie