venerdì, 12 Luglio 2024
Scoperte&SitiArcheologici

INDIVIDUATO TUMULO FUNERARIO DEL TARDO NEOLITICO PRESSO HRADEC KRÁLOVÉ, REPUBBLICA CECA

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Gli archeologi dall’Università di Hradec Králové, nella Repubblica Ceca, hanno portato alla luce quello che potrebbe essere il più grande tumulo funerario preistorico d’Europa, durante indagini di archeologia preventiva lungo un’autostrada.

Il tumulo funerario è lungo circa 190 mt, largo circa 15 mt nel suo punto più largo ed è orientato lungo un asse da nord-est a sud-ovest e gli archeologi ritengono che risalga al IV millennio a.C., rendendolo uno dei monumenti funebri più antichi mai rinvenuti in Europa.

La data corrisponde alle popolazioni della Cultura del bicchiere imbutiforme (Trichterbecherkultur)  che si sviluppò nell’Europa Centro-settentrionale del Tardo Neolitico, tra  il 3800 e il 3350 a.C. Il loro nome deriva dalla forma dei caratteristici vasi di ceramica deposti nei corredi funerari di molte delle sepolture.

Secondo Petr Krištuf, archeologo dell’UHKl, il  tumulo rappresenta il più lungo tumulo preistorico non solo nella regione, ma probabilmente in tutta Europa. Oltre alle due sepolture centrali nel tumulo, che appartenevano probabilmente a membri di alto rango della comunità locale che lo costruì, nelle vicinanze sono state rinvenute circa 30 tombe che si ritiene risalgano allo stesso periodo, secondo il Dipartimento di Archeologia dell’Università.

Il tumulo è stato rinvenuto durante degli scavi archeologici preventivi prescritti lungo un percorso autostradale tra la città di Hradec Králové e il villaggio di Sadová, circa 90 chilometri a est di Praga.

Secondo gli archeologi, il tumulo funerario non era più visibile in superficie perché si trovava in una zona intensamente coltivata che a un certo punto era stata anche spianata. Di conseguenza, gli archeologi hanno trovato prima le tracce di una trincea che circondava il tumulo funerario. Trincee simili attorno ad altri tumuli nella zona contenevano buche per pali di una palizzata di legno, ma tali tracce non sono state trovate in questo nuovo tumuli.

Entrambe le sepolture centrali del tumulo contengono scheletri di individui adagiati sul lato sinistro con la testa rivolta a nord. Uno dei due è stata sepolto in una fossa con blocchi litici su ogni lato e buche per pali agli angoli, lasciando intendere che il defunto potrebbe essere state originariamente collocato nel tumulo all’interno di una struttura di legno che non si è conservata. Questo individuo è stato deposto con un vaso di ceramica che era stato presumibilmente offerto, mente la seconda sepoltura centrale conteneva cinque pezzi di selce lavorati, tra cui una punta di freccia e una lama affilata.

I ricercatori stanno ancora analizzando il sito. Tracce di quattro tombe di epoche successive sono state scoperte all’interno del tumulo stesso e gli archeologi sperano di scoprire se tutti gli individui erano imparentati con quelli di alto rango nelle tombe centrali.

Secondo Krištuf, tumuli funerari simili nell’Europa centrale di solito sono costituiti da una, al massimo due, sepolture e da questo punto di vista, sarà interessante comprendere come le tombe scoperte sono collegate tra loro e se rappresentano le sepolture di parenti.

Gli archeologi ritengono che il tumulo sia stato inizialmente costruito in quel sito e che le altre sepolture siano state realizzate nel corso delle generazioni successive.

Krištuf osserva che i primi risultati mostrano che il monumentale tumulo funerario è rimasto per molti secoli un punto di riferimento della zona e che nelle sue vicinanze si sono svolte attività funerarie e rituali della popolazione locale, un vero e proprio luogo rituale e punto di riferimento nel paesaggio.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: UHK

Preistoria Europa orientale

Ciao! Lascia un commento o una tua considerazione. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!