NUOVE RICERCHE SULLA PRODUZIONE MAYA DEL SALE, BELIZE

Per leggere questo articolo occorrono 4 minuti

Gli archeologi dell’Università del Texas e della Louisiana State University in missione nel Belize hanno scoperto che gli antichi salinatori maya lavoravano da casa. La scoperta è stata fatta durante gli scavi a Ta’ab Nuk Na, le più grandi saline maya conosciute nel paese, sommersi in una laguna costiera. I ricercatori hanno individuato una struttura residenziale dove una famiglia di salinatori viveva e lavorava il prezioso alimento.

 La scoperta è stata fatta al Paynes Creek National Park, nel Belize meridionale, dove in precedenza erano stati scoperti oltre 100 altri siti maya sommersi databili tra il 600 e il 1000 d.C., tra i quali molte saline costiere.

Heather McKillop, docente presso il Dipartimento di Geografia e Antropologia della LSU, conferma che i Maya dei territori interni avevano bisogno di sale, per una necessità biologica di base, che scarseggiava nell’entroterra e per la maggior parte veniva fornita dalle saline lungo le coste.

La McKillop e E. Cory Sills, docente dell’Università del Texas a Tyler, hanno realizzato uno studio su come fosse organizzata questa importante industria. I loro risultati sono pubblicati sulla rivista Antiquity.

Secondo la McKillop, dopo aver individuato e scavato le saline in altri siti oltre Paynes Creek Salt Works, gli arhceologi ci chiedevamo se i lavoratori vivessero sul posto, implicando complicazioni sulla comprensione dell’organizzazione della produzione di sale al culmine della civiltà maya classica.

Tuttavia, la maggior parte degli scavi negli altri siti costieri si sono concentrati sulla produzione di sale e il team di ricerca ha condotto un’indagine sistematica proprio di Ta’ab Nuk Na, la più grande salina di Paynes Creek. Gli archeologi subacquei hanno segnato la posizione di reperti chiave sul fondo della laguna, lasciando l’acqua densa di una foresta di oltre 600 bandierine che ne segnalano la posizione.

Gli archeologi subacquei hanno trovato centinaia di pali di legno che definiscono le pareti degli edifici in legno maya classici solitamente composta da travi, pali e paglia, Secondo Sills, a causa della deperibilità del legno nel paesaggio tropicale, i resti individuati in acqua offrono una vista rara dell’architettura che un tempo dominava la maggior parte delle antiche comunità maya costiere e non.

Le posizioni di tutti gli elementi architettonici  sono state tracciate digitalmente e gli elementi chiave sono stati scavati. Dai dati assemblati è emersa l’impronta di diversi edifici e la la datazione al radiocarbonio ha rivelato che erano il risultato di diverse fasi di costruzione che inizialmente consistevano solo in una manciata di edifici residenziali del VI secolo d.C., senza segni di produzione di sale. La situazione cambiò intorno al 650 d.C. quando nel sito furono costruite le tre saline e una grande struttura residenziale, identificando le attività nei diversi edifici.

Le attività nell’edificio residenziale principale includono la pesca, la preparazione del cibo e la cucina, la lavorazione del legno e la filatura del cotone nonché la salina. La prova di queste attività mostra che la grande struttura era un edificio residenziale e che la produzione del sale era svolta da persone che lavoravano da casa. Una famiglia tipo, dunque, avrebbe prima prodotto sale per se stessa prima di scambiare l’eccedenza con altre comunità dell’entroterra. Questo scambio, ovviamente, avveniva con altri prodotti, tra cui ceramiche e strumenti in pietra trovati nella residenza dei lavoratori del sale.

Alcune stime che indicano che Ta’ab Nuk Na potrebbe aver prodotto più di una tonnellata di sale a settimana. Insieme, Ta’ab Nuk Na e le altre saline contemporanee a Paynes Creek avrebbero potuto fornire abbastanza sale per 24.000 persone. Dal momento che i lavoratori vivevano nel sito e lavoravano nelle saline interne, il sale poteva essere prodotto tutto l’anno. Questa disposizione avrebbe contribuito a soddisfare la domanda delle città dell’entroterra Maya, che stavano crescendo in misura maggiore durante questo periodo.

La produzione a Ta’ab Nuk Na si fermò dopo l’800 d.C. e il grande sito di Ek Way Nal, in un’altra parte della laguna, divenne la più industria di produzione di sale del Paynes Creek. L’analisi dei reperti di Ek Way Nal, che il team aveva precedentemente studiato, mostra che nel sito c’erano anche strutture residenziali, indicando quanto gli antichi salinatori maya abbiano lavorato da casa per secoli, con le attività produttive attaccate a siti residenziali.

Questa configurazione è stata in grado di fornire quell’enorme quantità di sale necessaria alle crescenti città maya di questo periodo.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Louisiana State University

Maya

Ciao! Lascia un commento. Grazie

error: Il contenuto è protetto!!