“QUER PASTICCIACCIO BRUTTO DE…” LA VALLE DEI RE!

Per leggere questo articolo occorrono circa 1 minuti

Ho preso spunto dal titolo del romanzo di Carlo Emilio Gadda (Quer pasticciaccio brutto de Via  Merulana, del 1946, ndr), poi trasformato in film da Pietro Germi nel 1959, per condividere quanto giunge dalla Valle dei Re circa aggiornamenti su vecchie scoperte, presentazione di nuove tombe, moderne prospezioni su tombe antiche per trovare nuove camere, assegnazioni di tombe a questo o quel faraone, piuttosto che a quella o quell’altra regina. Un vero intrigo degno del fascino che la terra dei faraoni riserva sempre…

Per far tutto questo vi rimando, opportunamente, all’illuminante articolo del  giovane collega egittologo Mattia Mancini che dal suo blog DJED MEDU, offre un’ampia prospettiva di cosa stia accadendo nella Valle dei Re, a Tebe, da un paio di anni a questa parte.

Buona lettura e speriamo in nuove concrete notizie!


Dalla’articolo: “Scoperta una nuova sepoltura nella Valle dei Re? E che fine hanno fatto le camere segrete della Tomba di Tutankhamon?” di Mattia Mancini.

«Sono stato a lungo combattuto sullo scrivere o meno questo articolo perché, come ormai sta succedendo dall’agosto del 2015, si va avanti con annunci sensazionalistici seguiti da clamorose smentite. Il tutto senza lo straccio di un dato scientifico condiviso. Sto parlando naturalmente della gestione, a dir poco confusionaria, dell’affaire “Tutfertiti”, ribattezzato così dopo che Nicholas Reeves aveva affermato che la tomba di Tutankhamon potesse nascondere quella di Nefertiti. Tuttavia, date le vostre numerose e legittime richieste d’informazioni in merito, vi riporterò le ultime news anche se non certe al 100%.

Sulle prime, la clamorosa ipotesi, o almeno quella della presenza di due camere nascoste, sembrava essere confermata da indagini al georadar; poi il repentino cambio di atteggiamento da parte delle autorità del Ministero delle Antichità, con addirittura l’estromissione di Reeves dalle ricerche, aveva fatto pensare il contrario.»

[…]

Per continuare a leggere, clicca qui!

 

Daniele Mancini (Mattia e io non siamo parenti…)

 

Ciao! Lascia un commento. Grazie