NUOVI GUERRIERI DI TERRACOTTA RINVENUTI IN SITO CINESE

Per leggere questo articolo occorrono circa 3 minuti

Ho dedicato due articoli all’archeologia e alla cultura antica cinese (si legga qui!), ma questa nuova notizia merita un cenno degno di nota: all’interno di una fossa databile a 2.100 anni or sono gli archeologi hanno scoperto un esercito in miniatura di terracotta: carri armati, piccole statue di cavalli e cavallieri, torri di avvistamento, fanteria e musici.

Sembrano una versione miniaturizzata del più famoso Esercito di Terracotta, una collezione di carri e sculture a grandezza naturale di soldati, cavalli, intrattenitori e funzionari civili, realizzato per il primo imperatore della Cina, Qin Shi Huangdi.

Basandosi sul rinvenimento di nuovi reperti utilizzati come datanti, gli archeologi ritengono che la fossa sia stata scavata circa 2.100 anni fa, circa un secolo dopo la costruzione dell’Esercito di Terracotta.

La parte meridionale del pozzo è piena di formazioni di cavalleria, carri , modelli di torri di guardia alte 140 centimetri: al centro della fossa, circa 300 fanti sono pronti, per aggredire, in formazione quadrata; la parte settentrionale della fossa ha un modello di un padiglione teatrale che contiene piccole sculture di musicisti.

Secondo i membri del team, la forma e le dimensioni della fossa suggeriscono che accompagni un grande sito di sepoltura, confermano la tesi sulla rivista rivista Chinese Cultural Relics . I carri, la cavalleria e la fanteria in formazione quadrata erano riservati, solitamente, alle sepolture dei monarchi o ai funzionari o prìncipi più meritori.

I soldati e la cavalleria dell’esercito rinvenuti sono molto più piccoli di quelli del più famoso Esercito di Terracotta: sulla base della datazione, delle dimensioni e della posizione della sepoltura, gli archeologi ritengono che questo esercito sia stato realizzato per Liu Hong, un principe di Qi, figlio dell’Imperatore Wu, che ha regnato tra il 141 e l’87 a.C.

La capitale di Hong era Linzi, l’antica Yingqiu, la città cinese della grande sepoltura portata alla luce. Il principe morì nel 110 a.C. e alcune fonti riportano che Liu Hong sia stato nominato principe di Qi quando era piuttosto giovane e, sfortunatamente, sia morto presto, senza alcun erede. Poco prima della morte di Hong, secondo altri documenti dell’antico storico Ban Gu, una cometa apparve nel cielo sopra la Cina!

Se l’esercito di terrecotte doveva proteggere nell’aldilà Liu Hong o un altro anziano membro della famiglia reale, allora una tomba avrebbe dovuto essere situata nelle vicinanze; sono stati rinvenuti sporadici resti architettonici e una sorta di sentiero ma ancora non c’è modo di esplorare la camera principale di sepoltura, sperando che la vera e propria tomba non sia stata distrutta.

I più anziani residenti nella zona raccontano di un potente tumulo di terra, alto circa 4 metri proprio vicino alla fossa ma, negli anni ’60 e ’70, gli operai hanno rimosso la terra e raso al suolol’area per ampliare la ferrovia Jiaonan-Jinan.

I rapporti sono corroborati da una fotografia aerea scattata nel 1938 dall’Aeronautica giapponese (a quel tempo, il Giappone era in guerra con la Cina, ndr) che mostra un possibile tumulo vicino alla ferrovia.

Le fosse dell’Esercito di Terracotta trovate accanto alla tomba del primo imperatore della Cina sono gli unici esempi conosciuti di un esercito di soldati in ceramica a grandezza naturale in Cina. Poco dopo la morte del primo imperatore, nel 210 a.C, la sua dinastia, conosciuta come la Dinastia Qin, crollò e una nuova dinastia, conosciuta come Han, conquistò la Cina.

Alcuni sovrani della Dinastia Han continuarono a costruire profonde tombe con eserciti di soldati di terracotta per le loro sepolture, ma i soldati erano considerevolmente più piccoli. Per esempio, le sculture di fanteria nella sepoltura appena scoperta sono alte tra i 22 e  i 31 cm, confermando che in nessun altro luogo sono stati rivenuti soldati di terracotta a grandezza naturale sepolti vicino alla tomba del primo imperatore.

La sepoltura, insieme a diversi altri siti archeologici, è stato scoperta nell’inverno del 2007 durante i lavori di costruzione di infrastrutture. Dopo la sua scoperta, la fossa è stata scavata dalla Cultural Relics Agency of Linzi District della città di Zibo.

In seguito lo scavo è stato completato, gli archeologi di questa agenzia hanno analizzato i manufatti, lavorando con i ricercatori della Shandong Provincial Institute of Cultural Relics and Archaeology. Una prima pubblicazione sulla importante scoperta è stata pubblicata per la prima volta, in cinese, nel 2016, nella rivista Wenwu.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: