Le eruzioni vulcaniche del VI secolo d.C. studiate con un modello climatico – da archaeology.org

Per leggere questo articolo occorrono circa 2 minuti

Stravolgimenti climatici, terremoti, eruzioni vulcaniche: il VI secolo d.C. è stato testimone di importanti eventi naturali che hanno sconvolto la vita sociale e il clima del secolo, ponendo una sorta di cesura a un periodo storico a discapito/vantaggio (a seconda dei punti di vista…, ndr) del sorgere di una nuova era storica: il Medioevo!

Un Team di scienziati tedeschi sarebbe giunto a questa conclusione. Leggiamo!


 

 estate simulato ( giugno-agosto ) le variazioni di temperatura media in 536 CE a causa della nube di aerosol stratosferico risultante da una eruzione vulcanica sconosciuta ricostruito qui sulla base di documenti scritti contemporanei e le misure di solfato di carote di ghiaccio . Le variazioni di temperatura simulati , che vanno da 1-3 ° C in Europa , mostrano un buon accordo con le stime provenienti da due ricostruzioni di temperatura albero -ring a base di alberi nel nord della Scandinavia . Credit : Matt Toohey , GEOMAR

Modello di studio che mostra le variazioni di temperatura media nell’estate del 536 d.C. a causa della nube di gas stratosferico risultante da una eruzione vulcanica sconosciuta, ricostruito qui sulla base di documenti scritti contemporanei e le misure di solfato rinvenute nelle carote di ghiaccio. Le variazioni di temperatura simulate, che vanno da 1-3 ° C in Europa, sono concordi con le stime provenienti da due ricostruzioni della temperatura dedotte dagli anelli di ricrescita degli alberi nel nord della Scandinavia. Credit: Matt Toohey , GEOMAR

I cambiamenti climatici del VI secolo d.C. possono aver contribuito alle circostanze che hanno portato al Medioevo, secondo un rapporto della agenzia France-Presse. La mancanza di luce solare provocata da un “misteriosa nuvola” nel 536 d.C.  (in Italia è in corso la Guerra Greco-Gotica tra Bizantini e Goti per il controllo della penisola, ndr) è stata registrata dagli storici di Roma e quelli della Cina; inoltre, le ridotte condizioni di sviluppo naturale nell’emisfero settentrionale sono state anche osservate negli anelli di crescita degli alberi del periodo.

Matthew Toohey del GEOMAR Helmholtz Centre for Ocean Research  e un team internazionale di scienziati ha sviluppato modelli di simulazione del clima per ricostruire i possibili effetti di due vulcani  che nella metà del VI d.C. secolo si sono mostrati attivi e le cui ceneri sono state rilevate nelle carote di ghiaccio provenienti dalla Groenlandia e in Antartide. Il team ha stimato l’entità delle eruzioni, le loro posizioni approssimative e la diffusione di zolfo e cenere che possono aver abbassato la temperatura media nell’emisfero settentrionale fino a due gradi Celsius!

Dove pensano che i vulcani siano scoppiati? “Sono in discussione diversi candidati, tra cui i vulcani dell’America Centrale, dell’Indonesia e del Nord America. Studi futuri saranno necessari per dimostrare l’origine esatta delle nuvole di gas comparse tra il 536 e il 540 d.C.”, ha detto Toohey.

Per informazioni su uno scavo archeologico di un  sito del primo periodo medievale, cliccare su “The Kings of Kent“.

 

Questo articolo è stato pubblicato su Archaeology.org

Click here to view the original. © 2016. All rights reserved.

Ciao! Lascia un commento. Grazie