L’ANTICA BABILONIA IN UNA SPLENDIDA RICOSTRUZIONE 3D! da realmofhistory.com

Per leggere questo articolo occorrono circa 2 minuti

gorgeous_3d_animation_babylon_ancient_mesopotamia_1
Quando si racconta della ricca regione della Mesopotamia, Babilonia è probabilmente la più famoso di tutte le città di quel territorio. Un antico insediamento posto sotto i domini di Sargon di Akkad (circa XXIV sec. a.C), Babilonia ha sicuramente iniziato come una piccola città satellite di potenti centri come Ur, Uruk e Nippur.

Al momento dell’ascensione di Hammurabi il Grande (il sesto re della dinastia degli Amorrei) nel 1792 a.C., Babilonia divenne la grande capitale della città-stato di ‘Babilonia’, nota come Maat Akkadii o ‘il paese di Akkad‘ in accadico contemporaneo. Il termine ‘Babilonia’ è di origine greca ed è forse una traduzione approssimativa di Babillu, che in semitico riguarda la congiunzione delle due parole Bab (porta) e ili (dei), suggerendo così la posizione di Babilonia come la ‘porta degli dei ‘.

Per quanto riguarda Hammurabi, noto per la sua famosa legge-codice, nella sua perfezione contemporanea era noto come un conquistatore esaltato il cui impero si estendeva in tutta la regione della Mesopotamia. E ‘stata una impresa impressionante considerando che la sua città-stato iniziale era solo circa 50 kmq.

Dal punto di vista storico si deve notare che Babilonia come impero fu presto eclissato dopo la morte di Hammurabi dagli Ittiti (che saccheggiarono la città nel 1595 a.C.) e poi dai Cassiti. Infine gli Assiri che conservarono il dominio sulla città fino all’VIII sec. a.C. Tutte queste conquiste mirate verso la città dimostrano la grande importanza di Babilonia verso agli invasori prossime della regione, un modello ripreso anche dal re assiro Assurbanipal di Ninive, che assediò e conquistò la città. Successivamente molti governanti assiri trattarono Babilonia come capitale ‘culturale’, sostenendo la loro inclinazione verso la civiltà babilonese, le istituzioni e la scienza. Questo fino a quando re Sennacherib, senza eccessivi problemi, saccheggiò la città nel 689 a.C., un atto che fu criticato da molti contemporanei, tra cui i nobili della sua corte.

Ma come una fenice che rinasce dalle sue ceneri, un soldato nativo di nome Nabopolassar, cacciò i suoi padroni assiri e ripristinò la gloria della città reale di Babilonia nel 626 a.C. Così l’impero neo-babilonese fu fondat  e la città raggiunse il suo apice architettonico sotto il figlio Nabucodonosor che regnò tra il 605-562 a.C. Attirando le ire di scrittori biblici per il suo presunto ruolo nella distruzione del Tempio di Salomone a Gerusalemme, Nabucodonosor è stato anche ‘responsabile’ dell’impresa di massiccia ristrutturazione e progettazione infrastrutturali e monumentale della città di Babilonia. La capitale coprì poi 900 ettari di territorio, vantando alcune delle più imponenti e maestose strutture di tutta la Mesopotamia.

gorgeous_3d_animation_babylon_ancient_mesopotamia_2La monumentale lista architettonica include il completamento del palazzo reale (presumibilmente intarsiato con bronzo, oro, argento, raro e pietre preziose), un intero ponte di pietra che collegava le due parti principali della città sul corso dell’Eufrate, la celebre Porta Blu di Ishtar e, forse, anche il ripristino o il completamento di Etemenankiuna imponente ziggurat dedicato al dio babilonese Marduk, paragonata alla Torre di Babele biblica. Alcuni autori antichi attribuirono a Nabucodonosor anche la costruzione dei Giardini pensili di Babilonia, una delle Sette meraviglie del mondo antico. Tuttavia recenti studi hanno rivelato come questo capolavoro paesaggistico si potesse trovare nella città di Ninive o fosse semplicemente il frutto di creativi autori.

I video sotto mostrano la città reale di Babilonia nel suo massimo splendore architettonico durante il regno di Nabucodonosor intorno al VI secolo a.C.

Buona visione!

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori approfondimenti: realmofhistory.com



Ciao! Lascia un commento. Grazie