LA TOMBA DI AMANTI KAZAKI, DOPO 5000 ANNI

Per leggere questo articolo occorrono circa 2 minuti

Una tomba di 5000 anni or sono è stata rinvenuta con una coppia di amanti deposta con due cavalli adibiti a trascinare un carro da trasporto verso l’aldilà.

Gli amanti della preistoria, rinvenuti nella regione Karaganda del Kazakistan, giacciono vicini e l’uomo è armato di una faretra con frecce e di un pugnale di metallo. La sua compagna indossava diversi monili, tra cui braccialetti composti anche da pietre preziose, una collana di bronzo e altri ciondoli.

La presenza di un carro trainato dai due cavalli imbrigliati, che si ritiene fossero stato sacrificati per la sepoltura dei soggetti umani, è comune anche in un’altra di una coppia, rinvenuta nella medesima necropoli. Gli archeologi ritengono che il corpo maschile fosse di un soggetto appartenente a una classe di elite del gruppo umano della zona.

La tomba, circondata da pietre monolitiche erette, è stata saccheggiata già nei tempi antichi ma le ossa sono state lasciate intoccate. Nonostante questo, l’immagine straordinaria dei cavalli deposti che trasportano simbolicamente il carro con la coppia di amanti verso l’aldilà sperato, è rimasta intatta!

Igor Kukushkin, l’archeologo responsabile dello scavo, afferma che non è chiaro se la coppia sia morta contemporaneamente e se sia stato fatto un da uno dei due soggetti per essere sepolto con l’altro. E’ difficile che l’uomo e la donna, che morirono nello stesso periodo, siano stati scelti scelti per essere amanti dopo la morte. Ricerche scientifiche chiarificatrici sui resti ossei potrebbero, senza dubbio, chiarire i diversi interrogativi, incluso la causa delle loro morti, eventuali gradi di parentela, patologie e tanto altro.

Gli studiosi sono abbastanza concordi nell’affermare che i cavalli siano stati uccisi e la loro posizione, schiena contro schiena, è una posizione rara ma simili a quella dei cavalli di carri da trasporto rinvenuti nei graffiti delle caverne locali.

Secondo l’archeologo Viktor Novozhenov, della Karaganda State University, la posizione dei cavalli e dell’intera tomba mostra chiaramente una sepoltura a forma di carro: i cavalli sono stati messi a riposare dietro la tomba della coppia, ma imbrigliati e in una “posizione di lavoro”, con l’intenzione di mostrarli come se tirassero il carro. Gli animali indossavano delle particolari briglie realizzate in corno di altro animale, una scoperta piuttosto rara, usate per attaccare le redini.

Le briglie in osso, poste su entrambi i lati del muso dei cavalli nella loro posizione di lavoro, erano collegate tra loro con delle imbracatura di cuoio e dei resistenti rivetti in bronzo rinforzavano la pelle e la tenuta generale delle redini.

Novozhenov afferma che è veramente un ritrovamento raro nonché una grande fortuna per i ricercatori, con dettagli così importanti sull’imbracatura dei carri, in situ e nella posizione iniziale di deposizione, per nulla manomessa dall’opera distruttrice dei tombaroli.

Nelle tombe sono state trovate anche diverse punte di lancia in pietra e in bronzo. Gli archeologi hanno anche scoperto una punta di freccia in pietra e un ciondolo placcato in oro insieme a diverso vasellame ceramico adoperato per i riti di sepoltura.

 

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Daily Mail 

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: