ANCORA RITROVAMENTI DAL SITO DI KITION, CIPRO

Per leggere questo articolo occorrono circa 2 minuti

I lavori nel sistema fognario di Larnaca continuano a rivelare reperti archeologici dell’antica Kition. Alcuni di questi sono considerati estremamente importanti e di grande valore storico, come ad esempio una sezione del muro di difesa dell’antica città di Kition situata, oppure il mosaico romano unico, di 19 × 4,60 m, che mostra le fatiche di Ercole, rinvenuto nel 2016.

Come annunciato dal capo del Department of Antiquities, Marina Ieronymidou-Solomidou, è il primo mosaico ritrovato a Cipro con un tema del genere, le fatiche di Ercole, solitamente associato ai bagni termali. A oggi, due dei cinque pannelli sono stati completamente scoperti, altri tre in parte.

Per completare il lavoro certosino, gli archeologi devono affrontare dei problemi pratici perché il mosaico si estende diagonalmente verso i condomini e una residenza privata. 

Secondo un rapporto inviato pochi giorni fa al Parlamento cipriota dal Ministro dei Trasporti, Vasiliki Anastasiadou, i lavori sul sistema fognario di Larnaca hanno rivelato una moltitudine di antichi manufatti realizzati con materiali diversi.

Nello specifico, sono stati trovati molti vasi di terracotta che, come al solito, costituiscono la maggior parte dei reperti. Non mancano utensili in metallo e oggetti di prestigio come manufatti e gioielli in osso, in maiolica e materie prime importate, come pietre semipreziose e gioielli in oro.

I reperti di ogni scavo sono stati esaminati da esperti specializzati per tentare di ricostruire condizioni e periodo storici che hanno generato il ritrovamento archeologico.

In particolare, per quanto riguarda i monili in oro, la Anastasiadou, conferma che rispetto alle altre categorie di reperti, questi sono molto limitati in numero e sono stati trovati in tombe di epoca ellenistica e romana repubblicana.

Il loro piccolo numero, e il fatto che siano stati trovati sporadicamente nelle sepolture, rendono evidente che erano oggetti importanti per i loro proprietari, membri ordinari dell’antica società di Kition.

Inoltre, le dozzine di antiche tombe scavate, risalenti dal periodo classico al periodo romano, soffre l’opportunità di raccogliere preziose informazioni sulle usanze di sepoltura nell’antica Kition. 

Durante i lavori di scavo sul sistema fognario sono state trovate anche diverse statuine femminili di argilla che potrebbero provenire dal cosiddetto Santuario di Kamilarkon, scavato nel 1894 nella zona dall’archeologo britannico Sir John Linton Myres.

I risultati dei suoi scavi furono pubblicati nel Journal of Hellenic Studies nel 1897 e constatano il ritrovamento delle fondamenta di un tempio e numerosi frammenti di statue e statuette in pietra e argilla, la maggior parte delle quali raffigurano la “dea con le braccia alzate”, vari tipi di Astarte, la dea con bambino, Kourotrophoi, donne adoratrici e musiciste. 

Anche alcune statuine maschili, come musicisti, cavalieri, adoratori e altri, datano l’uso del sito come santuario dal periodo cipro-arcaico a quello ellenistico (VII-III secolo a.C.). 

Il Dipartimento delle Antichità non è sorpreso che resti archeologici di grande valore storico siano ancora da scopreire, poiché è noto che sotto la moderna città di Larnaca sono presenti strati di storia antica del luogo, già abitata dalla fine del III millennio a.C. alla prima Età del Bronzo.

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Archeology & Arts

2 pensieri riguardo “ANCORA RITROVAMENTI DAL SITO DI KITION, CIPRO

  • Febbraio 1, 2019 in 9:16 am
    Permalink

    Scrivo volentieri perchè tutti dovremmo ringraziare Mancini per il Suo impegno di mantenere vivo l’interesse della Archeologia, studio fondamentale della civiltà; che personalmente renderei “obbligatoria” nella scuola poichè concorrerebbe a “formare” mentalmente le nuove generazioni. g.carlo pavia
    ( in tono ed importanza minori trovate anche me in : https://libreriainternazionaleilmare.blogspot.com/2017/10,11,12 – 2018/01,02,ecc)

    Risposta
    • Febbraio 1, 2019 in 8:24 pm
      Permalink

      Grazie per le bellissime parole, grazie per leggermi

      Risposta

Ciao! Lascia un commento. Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: